Gli interventi dei rappresentanti dei gruppi consiliari

Dopo la presentazione dell’indagine curata da Vittorio Martinelli il dibattito in Consiglio comunale è stato aperto ieri sera da Lorena Borsari (Gruppo consiliare indipendente) che ha avuto modo di elevare alcune critiche alla metodologia usata da chi ha condotto la ricerca (definita “limitata ed imprecisa”), sottolineare alcuni dati in essa contenuti mettendo in evidenza le critiche della cittadinanza nei confronti di nomadi ed immigrati e di come la richiesta di sicurezza avanzata dai carpigiani “emerge evidente e forte, mai come prima d’ora: la filiera della legalità dopo oltre mezzo secolo si è sfilacciata, viviamo quotidianamente in un illegalità diffusa e tollerata anche a Carpi, pur con le dovute proporzioni”. Borsari ha chiuso il suo intervento raccontando una giornata tipo vissuta tra accattoni, strani furgoni, badanti e immigrati in genere. “Le prossime amministrative si giocheranno sulle risposte della Giunta ai temi della sicurezza – ha spiegato – bisogna investire maggiormente sui controlli”. Dopo alcune precisazioni di Martinelli sulla metodologia usata per l’indagine e dell’assessore alle Politiche scolastiche Maria Filippi sulla presenza di figli di immigrati negli asili nido (“27 su 548 in tutto, alla scuola di via Marchiona 21 su 60”) è intervenuta la consigliera Francesca Cocozza (Pd), che ha sottolineato positivamente l’immagine che scaturisce dalla ricerca e il fatto che dei cittadini extracomunitari ne abbiamo bisogno. Giuseppe Donatiello (Udeur) ha spiegato che le cose sono meno rosee di quelle che la relazione ha presentato, elencando alcune proposte per intervenire sul campo (vigile di quartiere, assessorato alla Sicurezza, un Comitato per l’ordine pubblico cittadino, pacchetto d’interventi ad hoc con un emendamento al Bilancio preventivo, collaborazione con imprese di vigilanza). Roberto Andreoli (capogruppo di Forza Italia) si è poi chiesto come mai questa indagine fatta a dicembre sia stata presentata a maggio, un mese dopo le elezioni. “Mi sembra uno spottone elettorale: il 97% dei 1400 cittadini che sono passati nei nostri gazebo ci ha detto che la sicurezza è la priorità. E ben uno su cinque degli intervistati ci dice che è stato vittima di un reato. Intanto per la videosorveglianza l’assessore D’Addese ci ha appena spiegato che ci vorranno ancora alcuni mesi per avviarla definitivamente…”. Luca Ghelfi (Popolari Liberali verso il Popolo delle Libertà) ha ribadito che tutti devono rispettare regole e leggi, che l’inserimento dei cittadini extracomunitari deve avvenire in un quadro normativo che dia garanzie e che “non bisogna cullarsi sugli allori confrontandoci solo con Modena e Sassuolo, che non capisco perché siano state messe assieme a Carpi in questa indagine. Dobbiamo rafforzare la Polizia municipale spostando in essa altri dipendenti delle Terre d’argine e non farci prendere dalla polemica politica quando si discute di organici delle forze dell’ordine”. Davide Dalle Ave (Pd) ha dal canto suo sottolineato che a Carpi non c’è una emergenza criminalità, che le politiche di integrazione danno risultati solo nel medio-lungo periodo accompagnate dal rispetto delle regole da parte di tutti, e che la riqualificazione di parti di città aiuta anche a migliorare la percezione della sicurezza. “Dobbiamo insistere però perché il Governo adegui gli organici della Polizia di Stato”.
Massimo Valentini (Rc) ha esordito in aula citando alcuni dati apparentemente contraddittori presentati dall’indagine e spiegando che “la pancia della nazione può essere eterodiretta. La sicurezza non è di destra o sinistra ma le risposte sì. E ricordiamo che il 90% dell’emigrazione è fuga da regimi, da fame, da guerre, da speculazioni economiche. Il problema è strutturale e inaffrontabile, come svuotare il mare con un bicchiere: vanno bloccati i criminali che tirano le fila, non i poveracci che vanno regolarizzati con la solidarietà e l’integrazione, che può essere pagata con i soldi degli evasori fiscali”. Argio Alboresi (Leganord) ha tenuto a ribadire poi che più del 50% non vuole gli stranieri e che ci vuole un segnale di discontinuità. “Il 10% è il livello di guardia, ce ne sono già abbastanza”. Simone Tosi (Pd) ha messo in evidenza la necessità di aggiornare il sistema giudiziario italiano, per dare certezza della pena e permettere processi più veloci. “Il Comune dà risposte concrete, ma stiamo attenti alla diffusione della criminalità organizzata, contro la quale la coesione sociale serve. Anche io come Valentini condanno atti di violenza come quelli contro i rom a Napoli ma la politica non deve fare tutta un erba un fascio, a Roma come qui”.
E se Leda Tirelli ha sottolineato i problemi arrecati dai nomadi e la necessità che le forze dell’ordine abbiano più poteri Claudio Boccaletti (LtC) ha ribadito anch’egli come tra i dati della percezione e quello che si vede in giro ci sia una certa differenza, chiedendo anch’egli il potenziamento delle forze dell’ordine e più illuminazione in certe zone. L’assessore alla Polizia municipale Carmelo Alberto D’Addese ha chiuso il dibattito spiegando come a suo parere l’indagine, costata 5mila euro, fosse invece uno strumento di approfondimento utile per l’agire della Giunta comunale. “Da essa emerge una richiesta di maggiore sicurezza e di una maggiore presenza sul territorio. La videosorveglianza, la riqualificazione di aree urbane, l’intervento che stiamo facendo su via Lago di Bolsena e la prossima formazione di volontari per la sicurezza in collaborazione con la Protezione civile sono tutti passi che vanno in questa direzione”. Il Sindaco Enrico Campedelli ha infine richiamato alcuni elementi dell’indagine affermando che le politiche sociali, del territorio e della sicurezza devono andare di pari passo per affrontare le problematiche emerse anche dalla ricerca “e con le quali sbaglieremmo a non confrontarci. Il Comune non può sopperire alle carenze dello Stato, ad esempio nel caso degli organici della Pubblica sicurezza o della legislazione sui phone center. Ma instillare il germe dell’insicurezza e dell’incertezza è comunque negativo – ha concluso - per la coesione sociale, che ancora a Carpi è forte”.